Nocerina-Lodigiani del 18/03/2001

 

Questa trasferta, per i pi¨ abbastanza brutta, Ŕ piena di vari episodi che l'hanno resa pian piano sempre pi¨ pesante, anche se l'andamento della giornata non scalfisce l'orgoglio di essere gli UltrÓ della Lodigiani e di passare una Domenica diversa da quella di milioni e milioni di persone. Tra di noi ci si vede presto, alle 8 circa, e quasi tutti noi abbiamo fatto le ore piccole ed eravamo stanchi giÓ in partenza. C'Ŕ anche Borgognoni, che non fa altro che ripetere per tutta la giornata "non sce vengo pi¨!". E' lui a movimentare la nostra giornata, insieme alle birre prima di Marco e poi prese in vari posti da Paolo (ovviamente a scrocco a spese nostre). Il viaggio si svolge su uno dei classici espressi che hanno segnato la storia delle FS, con biglietto chilometrico per tutti fino a Latina, con evidente risparmio. Arrivati a Napoli, incontriamo l'amico Massimo che si aggiunge a noi coi suoi mitici e gustosi panini che in particolare Marco e il sottoscritto hanno trangugiato con piacere. La nota stonata Ŕ che dobbiamo stare oltre due ore in quella fogna di stazione in cui girano poveracci, accattoni, scippatori, gente di basso borgo, gente che vive di espedienti, con sottofondo di musica tipo mediorientale e un ambiente fondamentalmente schifoso. Spesso non rispettiamo la regola di stare tutti insieme, comunque tra uno scazzo e l'altro il tempo lo passiamo occupando abusivamente un tavolo del Mac, mentre inutili si sono rivelati i tentativi di un assalto al frigo delle bibite visto che il vigilante ci ha adocchiati da subito (con tutta la gentaglia che gira lÓ proprio a noi doveva prendere di mira!). Sta di fatto che non facciamo lo schifo anche perchÚ pochi di noi erano in forma. Finalmente giunge l'ora della partenza, prendiamo il treno per Cosenza e dopo circa una mezzoretta arriviamo a destinazione. Appena messo piede a terra, abbiamo subito la prima sorpresa. Un agente della Polfer che ci ferna (al momento non avevamo nÚ sciarpe nÚ qualcosa  di riconoscimento)e, dopo averci estorto cosa facessimo lÓ, ci porta al commissariato Polfer, dove veniamo identificati. Veniamo contro voglia portati allo stadio con due camionette, ma ancora prima di mettervi piede veniamo ben perquisiti, e, senza un giusto motivo, ci vengono sequestrate le torce. Veniamo quindi trasportati allo stadio davanti al settore, e da lý non possiamo muoverci neanche di 5 metri...infatti davanti al settore c'era una puzza modello simil fogna, e non c'Ŕ stato nemmeno consentito di sederci in un muretto posto a poca distanza "per motivi di ordine pubblico". Per noi ci sono dei problemi per entrare e alcuni di noi non hanno i soldi per il biglietto, si cerca di entrare con sotterfugi vari e lla fine riusciamo a farci ridurre il prezzo. Fortunatamente, appena entrati, non siamo stati ricontrollati, la partita era giÓ iniziata da poco e, a sorpresa, la Lodigiani Ŕ giÓ in vantaggio (portassimo iella noi!) su rigore. Appendiamo gli striscioni, quello di contestazione pi¨ quello del gruppo da trasferta, e iniziamo a offendere. Unici bersagli sono stati Mecozzi, stragettonato, e Orazi, invitato cortesemente ad andarsene. Siamo sicuri che le offese sono state ben ricevute dal momento che la curva di casa non espone gli striscioni e contesta assistendo in silenzio o con cori sporadici. Sistemati gli striscioni le guardie (pi¨ di noi nel settore) ci dicono che dobbiamo metterci vicino a loro sempre"per ordine pubblico", solo che, pigliandoci la cosa a male, ci siamo spostati verso l'esterno in modo da non provocare turbamento al pubblico di casa. Continuano a raffica le offese, la Lodigiani gioca tutto sommato bene contro una Nocerina abbastanza inesistente e sul vantaggio per noi si chiude il primo tempo. Il secondo tempo comincia e, oltre a subire il gol del pareggio ad opera di Barbera (se non sbaglio ex Sora) subiamo anche l'ennesima prepotenza della polizia, che con termini spicci decide che dobbiamo per forza andarcene prima. Domanda: riusciremo mai a vedere una partita completa? O ci si mette la polizia, o il matto che deve tornare a Roma, o il treno che parte prima ecc.......dopo un'ultima tornata di offese, ripieghiamo gli striscioni e, sempre rigorosamente in camionetta, si torna alla stazione, dove veniamo tutti costretti a fare il biglietto (fatto col cumulativo) ed accompagnati personalmente al binario, dove veniamo trattati da cretini quali non siamo. Inutile dire che appena partiti per noi il sollievo era a dir poco tanto, ci accomodiamo in prima classe dove spadroneggiamo tranquillamente e, alla fine, si torna a Napoli, dove ci risistemiamo al Mac, in cui Marco trova il tempo per offendere una commessa che lavora lÓ. Non vedendo l'ora di andarcene, accompagnamo Massimo al binario, dopo averlo salutato (stracalorosamente direi), andiamo sull'espresso super pieno, mentre Paolo avrebbe preferito l'Intercity. Non essendoci posto ci sistemiamo vicino al cesso (posto che ben ci competeva visto che necessitavamo tutti di una doccia), dove alle ultime sbroccate di Borgognoni e alle offese di Marco assiste una ragazza,Silvia, che ci fa compagnia durante lo scomodo viaggio, ed Ŕ lei che dobbiamo ringraziare per averci notevolmente alleggerito il viaggio. Arriviamo stanchi morti e puzzolenti come cicogne in calore alle 21, con in mente una sola cosa: il letto!!!

Stefano-UltrÓ Lodigiani