28/01/2001 Benevento-Lodigiani: il ritorno di Borgognoni

 

La nostra trasferta a Benevento stata segnata dal grande ritorno del nostro teorico ultr Alessandro Oronzoni, pi noto come Borgognoni. Avvertito da lui stesso Sabato sera, non speravo completamente nel fatto che venisse. Invece alle 8 in punto lo si vede arrivare da lontano, il primo a notarlo Marco: "Ma quello chi , Borgognoni!?"...gi, lui, una pietra miliare del movimento ultr della Lodigiani, noto soprattutto per le sue grandi teorie sullo stadio e per la grande disinvoltura ed esperienza con cui affronta il dibattito sulla droga. Saliti sul treno la prima perla quando, non essendoci posto sullo scompartimento, sale nel posto bagagli, tra le risate di Lillo e Francesco. Piano piano Borgognoni prende confidenza con tutti, legge una fanzine, guarda le nostre foto alla sua maniera che tutti sappiamo. Dopo un p l'unico dello scompartimento che non era di noi se n' andato via schifato del tutto, ora Borgognoni, sceso tra noi, si apre del tutto. Ci racconta senza problemi le sue ultime esperienze ed il bello che le riesce a rendere una comica...alla fine non abbiamo resistito e ben presto, prima un p scandito e dopo un p senza pi problemi, gli dedichiamo il nostro inno di battaglia cantato sin dalla trasferta di Battipaglia (se fa, se fa, Borgognoni se fa...), apprezzato notevolmente dall'interessato. Scesi a Napoli ci regala il meglio di s in una rosticceria, in cui chiede se i calzoni contengono pi o meno lo strutto, dal momento che il buon Borgognoni vegetariano. Altra perla da un bancarellaro abusivo di libri a cui ha chiesto un libro assurdo di cui nessuno di noi ricorda il titolo, stranito il venditore napoletano...prosegue il viaggio di Borgognoni con ben in vista il suo berretto da Sherlock Holmes in pile che non abbandona neanche d'estate, ed l'unico elemento poco pulito dell'originale vestiario di Borgo.

Sul treno per Benevento, tra un calmante e l'altro, Borgognoni ascolta tutte le canzoni che in questi anni gli abbiamo dedicato, intervallati da alcuni discorsi sulle pere valfrutta che hanno riscosso il consenso dei numerosi viaggiatori del trenino sannita.

Da notare, andando allo stadio, i suoi consigli da uomo d'esperienza (a scev, se ciai o striscione dei schta in messo!!). Arrivati  Alessandro fa il lavoro che d sempre gli compete, una spasmodica scotchatura dello striscione e degli stendardi...il buon vecchio Borgognoni non cambiato!!

Durante il primo tempo si messo a cavalcioni sullo striscione ed ha anche cantato (elemento di novit). Tra primo e secondo tempo va a prendere il sole nell'anello superiore, si abbiocca e riusciamo a svegliarlo e a farlo scendere solo al 10 del secondo tempo, a cui assiste in una certa trance spirituale.

Finita la partita, torniamo in stazione in pullman, ed anche l si fa apprezzare, stavolta parlando dei bucatini all'amatriciana, divertiti coloro che hanno preso lo stesso pullman.

Sul treno del ritorno viene redarguito per il suo eccessivo zelo dallo Zio che con fare autoritario lo ha azzittito, poi Oronzo caduto nel sonno.

Sull'ultimo treno, al cambio per Napoli, d il meglio di s, facendo un'analisi dettagliata delle spade del medio evo, dicendo che avere tra le mani una di esse meglio di una scopata con la meglio fica...qui ci ha lasciato un p perplessi, in particolare a Francesco, ma le idee vanno comunque rispettate.

Tornati a Roma finisce la prima trasferta del nuovo corso di Borgognoni. Inutile dire che stato un piacere per tutti, per noi che lo conosciamo e per i nuovi che lo hanno potuto conoscere ed apprezzare.

Ora lo aspetta Pozzuoli in Coppa Italia!

Stefano-Ultr Lodigiani